IM, the blog! / Champions League (e Santa Lucia) lontana. Sul cambiamento che mai avverrà

022

Addì 27 marzo 2013, in prossimità di un non-governo Bersani (ma le cose, non si sa mai, possono anche cambiare).

Uno degli sport più praticati in Italia è quello di far ricadere su qualcun altro colpa o debito – sia esso morale o economico. Sul lavoro, in famiglia, dalla politica sui cittadini, ovunque insomma. Bersani, stirpe italica sincera, non credendoci nemmeno più lui, in verità, a una possibilità di governo, cerca di dar la responsabilità dell’occasione fallita ai 5 Stelle, chiaro. Nove anni a Palazzo Chigi nel ventennio detto ‘berlusconiano’, l’avallo della progressiva occupazione europea e finanziaria, ma da adesso in poi no, ‘da oggi, vi giuro, siamo davvero per il cambiamento, credetemi!’. Sembra una scena dei ‘Blues Brothers’. Con John Bersani in ginocchio a chiedere di essere preso sul serio.

Per favore, non dite allora che son strani i 5 Stelle. Le avranno tutte (Casaleggio, poi, quantomeno esteticamente inaccettabile), ma non son colpevoli proprio di un Paese che va a sbattere.

E spero che chi sostiene ancora questa tesi, quella dell’irresponsabilità del Movimento di Grillo – e lo fa sistematicamente anche a corsa elettorale finita – ‘Oh, è finita!’ –  abbia avuto in questi vent’anni dal Pd, dai Ds, dal Pds, insomma dal partito che ha cambiato più nomi che Enrico VIII mogli, vantaggi colossali, davvero: contratti da giornalista professionista laddove regnava il precariato, posti da dirigente in Rai o anche in qualsiasi municipalizzata, cambi di piano regolatore che han trasformato una zona gialla in un’area edificabile in corrispondenza del suo pezzo di terra, un figlio portiere di serie A o di un infinito palazzo delle istituzioni. Ecco, solo se questo fosse avvenuto, altrimenti…

Ora, ciò non significa che sia perfetta e inattacabile la linea Grillo, anzi. Il lasciare lì inevaso l’obiettivo minimo, microscopico, di una legge elettorale che favorisca la governabilità, c’è il rischio che gli si ritorca gravemente contro.

Ma non è questo il punto, non siamo qui per far gli aruspici, piuttosto siamo qui per cercare di riconoscere e correggere qualche limite e proiettarci e cercare di suggerire con serietà e voglia qualche possibilità di futuro.

Ecco, in tal senso, altro che confronto con altri Paesi europei, altro che interpreti di una grande Europa, ridotti così, a tirar da fuori area con traiettorie vigliacche, pettegole e di provincia (con scaricabarile incorporato); altro che luce in fondo al tunnel, se qui per vedere qualcosa, in questa nebbia nostrana dal gusto di pianura e di piadina, occorrono giusto le trappole. O le preghiere.

Appunto, fermi all’ennesimo, stucchevole, vizioso via, son sempre lontane Champions e… Santa Lucia.

2 comments

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s