IM, the blog! / Nuovo Glossario Aggiornato Lavoro 2013: Mental Divide

030

MENTAL DIVIDE

Mental Divide: una delle più grandi sciagure che possano abbattersi nella vita di un Paese, potrebbe essere ascritta alle nuove forme di guerra nell’età dell’implosione del lavoro. Un naturale esito del dividi et impera di antica foggia. E non si parli tanto di Digital e Cultural Divide, poiché essi sono compresi in questa più estesa e concreta lotta.

Ne esistono di diversi tipi, infatti, ma qui accenneremo giusto a qualcuno. Basteranno come esempio.

Lavoro dipendente/lavoro autonomo, ad esempio. Sfida all’arma bianca che ha luogo nei minimi anfratti della quotidianità, sa di duello improvviso fatto di appostamenti e di molte, lunghe attese. Nasce dal revival ideologico anni Ottanta del lavoratore autonomo come gaudente tasca di soldi guadagnati in un tempo troppo libero, senza regole e perché. Una sorta di sottaciuta invidia di libertà. Ma come viene sublimata? Attraverso l’accusa di mancata restituzione fiscale del maltolto, certo. Molto diffusa in periodi di crisi e in un luogo come l’Italia dove il lavoro è concepito come un tempo – esteso spesso tutta una vita – elargito in misure stabili di 8 ore al dì per qualcosa che non si sa bene cosa e un tassametro che scatta anch’esso regolare ogni fin del mese, a prescindere. Ecco, il ribaltamento dei ruoli, di volta in volta, denota evidentemente una divaricazione che si fa drammatica in tempi di crisi: si tratta di due interpretazioni del tempo, del lavoro, dello sviluppo e della vita, infine, assolutamente inconciliabili. E quest’empasse genera in una prospettiva nazionale, paralisi. Nell’infinitamente piccolo, infamità. Perde chi è più indiano, in genere.

Più nel dettaglio, l’organizzazione del lavoro. Da un lato l’antico vizio, ad esempio, di ritrovarsi nel medesimo spazio, alla stessa ora, magari per tutta la vita (come si diceva in precedenza), al termine di quotidiani e inutili spostamenti avanti e indietro, avanti e indietro, nel traffico di una città o nel pendolarismo tra due luoghi. Dall’altro, una risposta all’attualità che incalza, ai tempi che si accorciano e che, dunque, chiedono anche di non essere sottratti ancor di più alla libertà degli individui… Ecco, tutto questo assecondando, interpretando una normale evoluzione tecnologica che semplifica e alleggerisce (è di qualche mese fa che le comunicazioni per gli enti a breve saranno rivoluzionate: addio fax, via libera all’email, dopo circa 15 anni di attesa, non male). Mi segnalano, tuttavia, che il chirurgo e il contadino fanno attività non facilmente organizzabili a distanza. Peccato, altrimenti questo discorso poteva essere valido. A parte gli scherzi, il discorso del tempo, del lavoro*tempo, già ampiamente enunciato su queste pagine, diviene fondamentale per un lavoro ‘maturo’, più efficace, più economico nel senso della gestione del proprio tempo di libertà (non serve necessariamente l’esibizione di un capo nelle vesti di capo ogni volta, del resto. Altrimenti si parla d’altro: di feudo e di giochino di potere).

Ecco, solo questi due piccoli angoli, non tanto per comprendere quanto si sa – in fondo trattasi di fotografia italiana dell’inizio del XXI secolo – e nemmeno far di ciò una religione neweconomista, relegata al regno del vintage anch’essa ormai; anzi, si vuol ribaltare ogni forma dogmatica, fare di ogni pietra filosofale un concreto mattone con il quale costruire un senso nuovo del lavoro, liberarlo dal vincolo asfittico della dipendenza passiva e liberare anche quelle energie minime che in tempi come questi non andrebbero proprio disperse (vd. Light Factory). E’ una cura contro la depressione indotta dagli agguati al lavoro da parte della politica ‘di bassa’ e della finanza (ché così com’è, svuotato di senso, il lavoro, non serve più a niente).

Più che altro perché il paradosso che si potrebbe creare, spingendosi fin oltre il limite più remoto – ma non sarà il caso italiano, ne siamo certi – è  che un governo possa pensare al lavoro come una cosa che alla fine debba adeguarsi alle ipotetiche ferree regole bancarie (‘un prestito si concede solo dietro garanzia di busta paga’, ad esempio). E cioè favorisca un sostanziale, definitivo, mortale stop ad ogni futuro immediato. Ma siamo sicuri che questo, soprattutto se arriverà un Presidente giovane, un 40-50enne di moderne vedute, non potrà accadere.

Auguri!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s