A proposito di elezioni / La deriva compie 25 anni

Si festeggiano i 25 anni di deriva e sebbene la storia non si faccia con le date, qualche caposaldo è riconoscibile (e lo abbiamo già riconosciuto su queste pagine anni fa) e ha, curiosamente, una cadenza decennale.

. 1992, uno Stato poteva prenderti i soldi in banca nottetempo e confessarlo il giorno dopo (la spy story era ‘Il prelievo forzoso di Amato’). Un tabù viene superato;

. 2002, una bella spallata definitiva al lavoro, alla dignità, a una possibile mobilità sociale attraverso la traduzione in lingua 1936,27; così l’euro diventa quella commedia amara che incassi la metà e spendi il doppio. Un altro faticoso dogma viene sciolto a sinistra;

. 2011, si sale di livello e si capisce che in Italia, Paese immobile per definizione, in meno di 24 ore si può cambiare un governo affidandolo a chi i conti li fa per titoli e non per esami su un foglio a quadretti (il professor Monti). La buona fede, quella di salvare il Paese (missione che tanto inorgoglisce), diventa un discreto boomerang.

Questi gli episodi, chiaro, e nemmeno tutti in verità; ché le cause potrebbero esser sempre giuste.

Temo, a questo punto, sempre per la legge della cadenza decennale, l’avvicinarsi del 2021-2022.

Ma per fortuna ci sono le elezioni nel 2018.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...