IM, the blog! / A proposito di elezioni 2018: non sarà Roosevelt ma…

Solo io, mi sa, non le vedo così disastrose queste elezioni. Insieme a chi ha votato 5 stelle e Lega, chiaro. Ma per tutt’altri motivi, credo. Con l’entusiasmo, cioè, di chi ha passato un giorno ‘senza nulla da dichiarare’, ma anche senza ”sto mal di denti che…’

La faccio filosofica – anzi, concreta: a destra non si è mai guardato granché – ammetto – perché ‘si sa, si conosce’, è prevedibile, non potrebbe dir nulla di nuovo, per sua natura (con tutto il rispetto per la coerenza, che è atteggiamento rispettabile). Stavolta poi ha detto meno di niente, non ha parlato di politica, quindi quattro partiti son implosi, ne è rimasto uno, e va bene, fa parte del gioco.

Due dei quattro:

il primo ha fatto come fecero i ‘nonni’ venticinque anni prima, e cioè, dopo Tangentopoli, dopo la fine del CAF: restati in piedi, unici nel novero, chiusero tutti gli accessi con un beffardo ‘non crederete che ora si rimetta in discussione tutto, vero?’ E finì con un sorpasso ancor più a destra del preventivabile. Ma ormai è storia, abbiamo regalato i nostri bei vent’anni, e a posto così;

il secondo si è staccato dal primo con quattro/cinque secoli di ritardo, semplicemente, col passo tipico di chi se lo può permettere (e in tre mesi, se non sei un Berlusconi o un militare, non è che riesci a contar molto più avanti di 3).*

Dunque, lo spazio per il sorpasso lo ha sfruttato un outsider che non sarà un campione, non sarà un Roosevelt, ma si spera che funzioni come funziona la mossa del contadino che, tornando dal campo con una cassetta di pesche, di tanto in tanto le scuote, le gira per evitare che nel contatto l’una con l’altra marciscano.

L’immagine – perdonatemi – è semplice, concreta, estiva. In una parola – ancora una volta (e non capisco neanche più perché) – fiduciosa.

————————————————————————– 

[*] Chiudere possibilità e far trascorrere molto, molto tempo, è la strategia preferita di chi vuol conservarsi (leggi anche ‘potere’, ‘rendita’). Quindi mettetela voi a posto, decidete voi se nello scaffale di destra o di sinistra. Ah, gli altri due ‘implosi’ son lo stesso Berlusconi e la Meloni.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s