PortaporTales / Quei 68mq di universo [Chapter 68]

Di cosa parlino non saprei, lo sguardo mi pare resti verticale sul vetrino dove si lamentano le cellule.

Inizio come designer, oggettistica funzionale, le parole. Un’attenzione al dettaglio, all’ergonomia, al millimetro che eccede o manca perfino. Ma no, non può bastare: mi dedico subito allora all’idea di un ambiente intorno all’oggetto: tramezzi, punti luce, colori delle pareti. Fuoriescono opere in costume, scenografie teatrali o simili che collocano il senso concretamente in spazii allestiti differentemente, sempre. Infine – sarà anche perché giunge una leggera presbiopia a soccorrere (e sento già il pubblico che eleva un sorriso) -, in quale lungovita esiste questa casa? Di riflesso le strade, i servizi che occorrono, e diviene in veramente poco un’orchestra da dirigere, sapendo che la sezione fiati e i solisti possono esserne la melodia, la sezione ritmica altro, di diverso profilo, ma il disegno che ne emerge – poniti a distanza, qui va bene – ha in qualche modo ricomposto le diverse specie, come fa il mondo in fondo…

In effetti diffido di chi rimane designer per una vita. Una corsa da centometrista che può permettersi evidentemente. Tuttavia toglie tempo utile proprio al mondo. Per questo dico che l’età senile che arriva, la presbiopia, la concentrazione sul particolare che cala è un auspicio civile, sì, civile.

E le parve anche bella.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s