Index of books


2021. I meravigliosi, poetry, ed. series Lacustrine, Arcipelago Itaca;

“Un professore occasionale e venticinque ragazzi pronti al viaggio tra l’infinitamente rarefatto e un tempo senza parametri. Cinque mesi di scuola e un piccolo ‘dono’, prima del naturale e logico addio nel futuro 400mila”.


2020. Delicatisimo, poetry, ed. series Level 48, Editrice ZONA;

“Delicatismo è un regista che tra primi piani del protagonista e campi lunghi sui suoi pensieri, delinea il passaggio da un’età a un’altra. O da un’epoca a un’altra. Si va spegnendo il tempo delle dimostrazioni, delle sollecitazioni figlie di una oramai antica new economy, si aprono invece domeniche di convalescenza, quando l’unica attività possibile è quella di far ordine tra progetti da buttare e uno spazio da riallestire”.


2019. Un semplicissimo universo inespanso, poetry, introd. L. Pugno, ed. series i domani, Nino Aragno Editore;

“In questo Semplicissimo universo inespanso Michele Fianco presenta venticinque anni di vita poetica. E vita, una vita intessuta di linguaggio riflessione e potremmo dire teoria, ma una teoria entangled nelle cose, è forse la parola chiave che ci permette accesso a questi versi” [L. Pugno].


2016. La confezione, novel, ind. ed., Feronia Prize fiction 2016;

“La confezione è una scatola a sorpresa che rivela, man mano che ci si addentra, una straordinaria capacità di rimandare a mondi intellettuali e ideologici estremamente connotati che si affacciano dietro le icone, i tics, le retoriche, i ragionamenti che i dialoghi della prima parte o i versi della seconda, Magazine, raccolgono, componendoli in una cornucopia di parole e di sensi” [G. Patrizi].


2014. Nuovo glossario aggiornato lavoro 2014, pamphlet, ind. ed.;

“Il lavoro visto dall’esperienza, e cioè come in genere non viene mai raccontato. L’illusione di conoscerlo attraverso il linguaggio della politica e dei media lo ha paralizzato per vent’anni, ne ha favorito la progressiva perdita di senso, lo ha reso inutile”. 


2014. Se fosse per me, poetry, ind. ed.;

“Il western, un diario online di Facebook e alcune istantanee per sms. In tre movimenti le forme di una poesia”.


2012. Michele Fianco, ma non puoi fare come tutti gli altri?, poetry and drawings, ed. series I segni del suono, Edizioni Tracce;

“Fermi tutti: questo libro è una continua, inesausta opera di negazione. Già dal titolo, scanzonato e vagamente irridente, l’autore presenta il suo lavoro come un giocoso atto di sfida agli stilemi canonizzati della letteratura contemporanea” [F.Fiorletta].


2011. Swing!, novel, introd. M. Borelli, ed. series ultra/corpi, Polimata;

“Come vuole il nome, nell’orbita di Swing! si è presi in una danza dondolante in battere e levare, secondo un ritmo che scombina il tempo, e lo dilata, e lo fa spazio. Ché a venir suonata è qui la «biografia surreale» di un io multiplo” [M. Borelli].


2009. The Best of…, poetry, writ. by C. D’Amicis, M. Lunetta, F. Muzzioli, P. Restuccia, Le impronte degli uccelli;

“Tu e io, presenza e assenza tirata a lucido: questo solo siamo nella poesia di Fianco. Se non hai il coraggio di farti fare a pezzi, non entrarci.[…]” [C. D’Amicis].


2008. Versi in via di liberazione (e un numero civico), poetry, introd. F. Muzzioli, Le impronte degli uccelli;

“E, dunque, questa poesia si fonda sul movimento. Prima di tutto è animata da una rilevante pulsione ritmica, tanto da essere pensata in vista dell’esecuzione para-musicale, per finire in concerto, o jam session o recital che siano e saranno” [F. Muzzioli].