Delicatisimo

Delicatisimo è un regista che – tra primi piani del protagonista e campi lunghi sui suoi pensieri – delinea il passaggio da un’età a un’altra. O da un’epoca a un’altra. Si va spegnendo il tempo delle dimostrazioni, delle sollecitazioni figlie di una oramai antica new economy, si aprono invece domeniche di convalescenza, quando l’unica attività possibile è quella di far ordine tra progetti da buttare e uno spazio da riallestire. Ironizza l’autore – o almeno vorrebbe – sui suoi bilanci di mezza età, sul lavoro che non si sa più a cosa serva e sui seimila anni di storia che ci portiamo sulle spalle. Come in una commedia di Allen o un western rivisitato da Leone. Un romanzo essenziale, senza fatti, il primo libro di una nuova stagione, un voltar pagina rispetto a tutta la produzione precedente. Forse, di quella, ne resta solo il tono.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s